Tra Croce con Veloce

"Il paradosso non mi piace, ma molto mi piace la forma paradossastica. Non mi piace il paradosso, perché è segno, per solito, di superficialità, o, almeno, di poca comprensività mentale. Chi vide un fatto in tutte le sue parti e ne scorge tutte le relazioni, pensa necessariamente con equilibrio e buon senso. Ma mi piace la forma paradossastica, perché è un modo assai artistico di dir le cose. Ritrae con la maggiore evidenza il l'atteggiamento che rendono nel loro sorgere le idee nella mente che la pensa, nell'uditore e nel lettore produce un'impressione vivace e non facilmente cancellabili." Pensieri sull'arte, II

I don't like paradox, but I like greatly the paradoxical form. I don't like paradox, because it is a sign, usually, of superficiality, or, at least, of little comprehension. One who sees a fact in all its parts and views it in all its relations, thinks necessarily with equilibrium and good sense. But I like the paradoxical form, because it is a very artistic mode in which to say a thing. It portrays with great evidence the attitude with which ideas arise in the mind that thinks them, and in the listener and in the reader produces a vivid and not easily forgettable impression.

No comments:

Post a Comment